Il Filosofo Plotino e la Reintegrazione nell’Uno.

Il 𝗙𝗶𝗹𝗼𝘀𝗼𝗳𝗼 𝗣𝗹𝗼𝘁𝗶𝗻𝗼, nato il 203 o il 205 d.C. e morto nel 270 così scriveva: “L’insegnamento giunge solo a indicare la via e il viaggio, ma la visione sarà di colui che avrà voluto vedere.”.

Ma quale era questo insegnamento?

𝐋𝐚 𝐕𝐢𝐚 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐑𝐞𝐢𝐧𝐭𝐞𝐠𝐫𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐧𝐞𝐥𝐥’𝐔𝐧𝐨.

Su questo aspetto Plotino era molto preciso: “In virtù dell’Uno tutti gli esseri sono quello che sono (…), in ogni cosa c’è un’Unità alla quale si deve risalire e tutto si deve ricondurre all’Unità che è antecedente, finché di grado in grado si giunge all’Uno assoluto che non ci riconduce ad altro.”.

Il Filosofo Plotino e la Reintegrazione nell'Uno.

Il Santuario Egizio d’Italia Arcana Arcanorum Scala di Napoli – 1777 del Rito Antico e Primitivo di Memphis-Misraïm con i suoi Rituali Massonici di Rito Egizio (per i primi tre gradi come quello praticati a Napoli in seno alla nostra Loggia Perfetta Unione – Loggia Madre del Santuario Egizio d’Italia) e con l’operatività e la Teurgia degli Arcana Arcanorum del Rito di Misraiïm così come praticati a Napoli fin dalla prima metà del ‘700 pone l’adepto sulla Via verso la Reintegrazione, ponendogli tra le mani strumenti collettivi e personali per scorgere in vita il suo vero Sé.

Il Filosofo Plotino e la Reintegrazione nell'Uno.

Parafrasando Plotino, sarà però solo l’adepto, guidato dal suo Maestro interiore a poter scorgere, a poter vedere, a volersi incamminare.

info@massoneriaegizia.it

« || »