Max Guilmot – Iniziati e Riti Iniziatici nell’Antico Egitto

L’iniziato vive costantemente il Mistero. Egli conosce un cambiamento, prima passeggero e in seguito permanente, del proprio livello di coscienza.

I turbamenti dell’anima si placano. L’uomo conosce l’autentica pace interiore. L’iniziazione l’ha aperto all’armonia universale. Nell’era moderna chiunque può incontrare iniziati, ma nessun marchio esteriore permette di riconoscerli. Nessun segno svela la loro appartenenza, tranne un segreto equilibrio interiore, un dominio del corpo e dello spirito, frutto di un’azione dell’uomo su se stesso.

Max Guilmot - Iniziati e Riti Iniziatici nell'Antico Egitto

È facile mettere in difficoltà un iniziato chiedendogli di descrivere una delle sue esperienze. Il più delle volte gli mancano le parole e, se le avesse, non sarebbero adeguate, a causa dei fini strettamente utilitaristici a partire dai quali il linguaggio umano si è formato.

Per vivere al livello di coscienza raggiunto da un iniziato, non vi è che un mezzo: l’iniziazione. Il segreto, l’indicibile segreto, è nel cuore dell’iniziato.

« || »